Mobility in store: ridurre le distanze tra online e offline

Torna agli articoli

Le persone oggigiorno desiderano sempre più accedere a un’esperienza omnicanale completa, anche all’interno dei negozi fisici. La conferma arriva da una ricerca di Packlink e Retail Economics nella quale si evidenzia come il 63,4% dei consumatori tenda a fare acquisti multicanale, sia online sia nei punti vendita.

Retail

20 Sep 2023

3 min

Mobility in store: ridurre le distanze tra online e offline

I consumatori che comprano solo online o esclusivamente in negozio, quindi, rappresentano ormai una minoranza. Si tratta di un dato che i retailer che vogliono continuare ad avere successo non possono più trascurare. Per adattarsi alle esigenze e priorità dei nuovi consumatori, le aziende devono ottenere una visione più ampia che consenta loro di conoscere il cliente a 360° e questo può avvenire solo tramite l’adozione di soluzioni innovative di mobility in store.

 

3 sfide di mobility da cogliere per una CX vincente

Secondo l’Accenture Life Trends 2023, uno schiacciante 95% tra i dirigenti di aziende B2C e B2B ritiene che le abitudini dei clienti stiano mutando più velocemente rispetto ai cambiamenti che loro stessi sono in grado di adottare a livello di business.

Sono 3 le principali sfide di mobility che i manager saranno in grado di superare con il supporto delle giuste soluzioni di mobility in store:

 

1. Riconoscere i clienti.

Accenture rileva che il 56% dei consumatori tende a preferire negozi in cui il personale li riconosce e li chiama per nome, e il 65% apprezza maggiormente i negozi che già conoscono lo storico dei loro acquisti. Soluzioni di mobility in store facilitano il riconoscimento ed evidenziano gli acquisti migliorando anche l’up-selling.

 

2. Check-out e pagamenti semplificati.

I clienti si aspettano un’esperienza di acquisto coerente sia in negozio sia online. I pagamenti devono quindi essere semplici, effettuabili in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo con gli strumenti preferiti dai clienti come Apple Pay o Google Wallet. Ridurre i passaggi critici durante i pagamenti è un aspetto fondamentale per incrementare le vendite e fidelizzare i clienti. E questo è possibile solo con soluzioni di mobility in store avanzate.

 

3. Tenere sempre sotto controllo l’inventario.

Suggerire a un cliente un prodotto che solo in seguito si rivela essere non disponibile è un boomerang che mina la fiducia degli utenti. Secondo un sondaggio condotto da Zebra, il 64% degli acquirenti è più propenso a effettuare acquisti se ottiene il supporto di uno staff di vendita in grado di tracciare in tempo reale la disponibilità dei prodotti da un dispositivo mobile: un driver indiscutibile per incrementare le vendite.

 

Dalla mobility in store, una “fidelizzazione omnicanale”

Per trasformare queste sfide in opportunità, i retailer devono dotare i propri dipendenti e punti vendita di soluzioni digitali avanzate che integrino dispositivi mobili a piattaforme sicure per i dati e per il transato. Strumenti digitali più efficienti, quindi, che consentono allo staff di vendita di concentrarsi maggiormente sul servizio clienti, ottimizzando la customer experience e le vendite. Cegid Retail Live Store nasce per rispondere a queste esigenze, mettendo i clienti al centro e consentendo ai retailer di seguirli durante tutto il percorso di acquisto.

Con questa suite, lo staff può infatti navigare in maniera intuitiva tra le app, accedendo allo storico del cliente, allo stock e a molto altro e godendo di un’esperienza utente unica su tutti i device POS fissi e mobili e in tutti i sistemi operativi.

 

Contattaci

Non c’è niente di meglio di un incontro di persona per comprendere le sfide del tuo progetto e presentarti la soluzione che risponderà alle tue esigenze.

Richiedi un contatto