Retail

4 step per calibrare le scorte

26 Apr 2019

Nell’era del commercio unificato, i customer journey sono sempre più complessi: a volte è difficile per i retailer seguire con precisione tutti i movimenti degli stock tra ricezione, inventari, trasferimenti, prenotazioni dei clienti, ecc.

Per i brand che puntano a garantire livelli di servizio impeccabili e concretizzare tutte le opportunità di vendita, avere una visione attendibile dello stock in tempo reale è un requisito imprescindibile.

Il successo di un brand dipende dalla soddisfazione dei clienti. E un cliente soddisfatto è un cliente che può disporre del prodotto che vuole, quando vuole, dove vuole. Per vincere questa sfida, i retailer mettono a disposizione vari scenari omnicanale, ad esempio:

  • ordinare online e ritirare l’articolo in negozio,
  • chiedere il trasferimento dell’articolo nel punto vendita desiderato,
  • rendere in negozio gli articoli acquistati online,
  • e non solo…

Proporre ai clienti un ventaglio così ampio di scelte e un percorso d’acquisto senza soluzione di continuità è fondamentale e può fare una netta differenza tra un retailer e i concorrenti. In un contesto del genere, come si può fare ad amministrare correttamente tutti i flussi omnicanale? E ad assicurare la disponibilità dei prodotti sul canale giusto, al momento giusto? Tenendo conto che un prodotto esaurito corrisponde a una vendita in meno…

Un nuovo modo di gestire gli inventari nell’era del commercio unificato

Per riuscire ad assicurare sempre la disponibilità dei prodotti, è necessario affidarsi a un sistema di gestione centralizzato, con la possibilità di visualizzare le scorte in tempo reale. Riservare agli acquisti sul Web, consegnare nelle filiali, in transito, riservare in negozio… indipendentemente dallo stato delle scorte, un aggiornamento istantaneo è il solo modo per gestire le attività omnicanale.

E la tecnologia può aiutare! Esistono applicazioni mobile destinate al personale dei punti vendita che consentono di registrare ogni singolo movimento dei prodotti, offrendo una panoramica globale delle informazioni sulle scorte in negozio e magazzino. Grazie a questi strumenti, gli assistenti alla vendita possono comunicare al cliente la disponibilità degli articoli in diretta, organizzandone eventualmente il trasferimento o la consegna anche in caso di stock-out. Secondo una ricerca dello studio Wharton, un personale di vendita ben informato può far lievitare le vendite del 23%. Ecco perché è essenziale mettere nelle mani dei venditori le tecnologie giuste, che tradurranno il momento dello shopping in un’esperienza eccezionale.

La piattaforma di commercio unificato di Cegid offre esattamente questo vantaggio: la tracciabilità di tutti i movimenti dell’inventario, in tempo reale e in tutti i canali di vendita, online e offline. Più in generale, le soluzioni retail Cegid consentono di gestire i quattro step fondamentali per calcolare con precisione le scorte. Il nostro e-book Affidabilità e precisione delle scorte: un fattore critico nell’era del commercio unificato descrive in dettaglio questi quattro step e spiega come:

  1. Unificare: con l’avvento del commercio unificato, è impensabile continuare a lavorare con sistemi informativi in silos. Gli inventari richiedono un approccio aggregato e centralizzato, basato su aggiornamenti istantanei, da tutti i canali di vendita.
  2. Identificare: gli stock devono essere visibili in tempo reale in tutti i canali, per aiutare sia gli addetti alle vendite che i clienti a sapere dove si trova l’articolo che cercano. Basta stock-out e vendite sfumate: da oggi, si può soddisfare il cliente indipendentemente dal prodotto richiesto e dal canale di vendita.
  3. Ottimizzare il riassortimento: la distribuzione degli articoli sarà sempre in linea con la domanda, per ridurre al minimo rotture di stock ed eccedenze e aumentare la redditività delle collezioni.
  4. Passare al mobile: mettendo a disposizione del personale di vendita nuove tecnologie mobili, sarà possibile registrare tutti i movimenti degli stock e conoscerne con precisione lo stato in ogni singolo negozio, canale o magazzino.

Uno stock commisurato alle esigenze è la chiave per cogliere tutte le opportunità d’acquisto, e non solo: i clienti saranno fidelizzati e le vendite aumenteranno, senza la minima differenza inventariale. Non serve (molto) altro per suggellare il legame tra clienti e brand. E non rinunciare mai a una vendita.

Comincia oggi!

Per saperne di più

Scarica subito l’e-book "Affidabilità e precisione delle scorte: un fattore critico nell’era del commercio unificato"