I 3 numeri chiave della terza giornata di Cegid Connections 2019

20 Mag 2019

X8

I dati diventano una risorsa per i distributori. Non si tratta più di sapere se si utilizzano o no i dati ma quando e come. La riprova di ciò sta nel fatto che le aziende che fanno affidamento sui dati stanno crescendo 8 volte più velocemente del PIL statunitense! E di dati i distributori ne posseggono molti, soprattutto relativi ai pagamenti. Secondo Adyen, azienda specializzata in pagamenti con ha realizzato €160 miliardi di transazioni nel 2018, è possibile analizzare la transazione stessa e trarre conclusioni sull’acquisto con il fine di comprendere la personalità dell’acquirente.

 

0

Questo è il numero dei dati che devono esser condivisi secondo Jean-François Gomez, Industry Solution Executive di Microsoft Retail, CPG e Consumer Market : “I dati sono privati e non si condivisono. Ciò che è condiviso è l’informazione che generiamo dai dati. Grazie all’intelligenza artificiale, saremo in grado di perfezionare i dati per estrarre informazioni automatizzando l’operazione.”

 

4 milioni

Cegid gestisce quasi 4 milioni di fatture al mese. Una miniera di informazioni. E durante Cegid Connections Nathalie Echinard, Direttrice della BU Retail, ha annunicato il lancio di un’iniziativa intorno ai dati: “ attraverso i nostri sistemi informativi scorre un’enorme mole di dati. Anonimizzando i dati, possiamo immaginare di creare benchmark che aiutino i marchi a confrontarsi sulla stessa area. Questa informazione può anche essere utilizzata dai nostri stessi strumenti per aggiungere intelligenza predittiva attraverso l’intelligenza artificiale. Ma nulla sarà fatto senza l’accordo dei nostri clienti, stiamo iniziando una riflessione per definire gli usi possibili e pertinenti in quest’area.”