Questo sito web utilizza cookies per il miglioramento dell'esperienza online. Continuando a navigare accetti che i cookies siano utilizzati per ragioni di analisi e pubblicità. Leggi di più OK
LE NOSTRE SOLUZIONI Cegid è leader nella trasformazione digitale delle azienda, con soluzioni mirate per il Retail & Fashion
Contattaci
Retail
Fashion

Scegli il paese

Unified Commerce: la vera opportunità per i punti vendita

Unified Commerce Retail

I tempi del retail tradizionale sono ormai un lontano ricordo. Oggi tutto si basa sullo Unified Commerce e la convergenza dei canali di vendita (multichannel, cross-channel, omnichannel…). In questo nuovo modello il punto vendita e lo staff giocano un ruolo chiave! Un posto dove puntare tutto sull’esperienza d’acquisto, un hub omnichannel a tutti gli effetti…il punto vendita è tutto ciò! Qual è il ruolo fondamentale che deve giocare lo staff? Come può la scelta tecnologica portare un vero valore aggiunto al business? Di seguito abbiamo analizzato gli elementi più importanti.

1/ La tecnologia a supporto delle persone

Per essere accettato dal team e contribuire alla produttività, il software deve essere un’estensione del tuo staff. Facile da usare, mobile-friendly, robusto e adatto alla copertura funzionale del business sono le best practice che non possono mancare per un binomio eccellente tra tecnologia e persone.

Niente più click, ma lo staff vendita deve solo pensare a “scorrere”…proprio come si utilizzano gli smartphone! “Non esiste più il cercare le funzionalità in mezzo a menu complessi, ora questo viene suggerito automaticamente tramite le navigazione”, confermaTania Oakey, Direttrice Retail Marketing in Cegid.

2/ L’ascolto come priorità

Questo nuovo focus sulla usability ha portato a concentrarsi su nuovi processi di sviluppo del software. Iniziando proprio dal comportamento dei propri clienti. “Non dai direttori di progetto o capi prodotto, direttamente sul terreno di vendita”, sottolinea Oakey. Il passo successivo è quello di creare dei “draft”, dei protipi con vari visual per poi passarli al team di sviluppo per la creazione del prodotto.

3/ L’informazione giusta al momento giusto

Questo nuovo modo di sviluppo del prodotto ha molti benefici: le soluzioni sono molto più semplici da imparare, più intuitive e accettate più facilmente dagli utenti, in un settore che è in continuo cambiamento come lo è, appunto, il mondo retail.

 “Quando si inizia un progetto IT e si porta solo tecnologia nel punto vendita, i tool finiscono per non essere utilizzati. Le persone vanno messe sempre per prime e, in questo caso, se lo staff vendita non è una priorità, si ha già perso dall’inizio” conferma Bruno Contrepoids, Direttore Sistemi Informativi Orientis, azienda leader che gestisce brand come Kusmi Tea e Lov Organic.

4/La tecnologia al servizio delle persone

Questo è proprio quello a cui serve la tecnologia: permettere alle persone di lavorare in maniera più intelligente. Nei punti vendita, dove i clienti possono entrare e confrontare i prodotti, lo staff deve poter possedere di uno strumento che li aiuti e supporti nel loro ruolo di advisor. “Tutto si concentra nel poter fornire l’informazione corretta nel momento corretto”, spiega Oakey.  “Quando si fornisce un’applicazione allo staff vendita la prima cosa che si nota è l’aspetto limitate della stessa e se lo strumento non permette di proporre più prodotti e fornire consigli rilevanti non ha senso di esistere”, aggiunge Bruno Contrepoids

 

29 gennaio 2018
Contattaci